Aumentare temperatura scaldabagno: l’idraulica fai da te
13 novembre 2018
0

Aumentare temperatura scaldabagno. Come procedere alle modifiche della temperatura per ottenere il massimo rendimento e comfort.

Ci sono ancora alcuni casi in cui non si è installata una caldaia a condensazione in casa propria, magari perché ci si trova bene con il vecchio scaldabagno. Il problema potrebbe essere come aumentare temperatura scaldabagno.

Non è un segreto che il risparmio che si ha con una caldaia a condensazione è nettamente maggiore rispetto a uno scaldabagno ma ci sono vantaggi nell’avere uno scaldabagno in casa. In primo luogo la manutenzione è meno frequente e più semplice da effettuare, il suo basso costo e la semplicità del sistema ne fanno di fatto un’ottima alternativa al sistema a condensazione. Si può avere il problema di non riuscire a regolare la temperatura dello scaldabagno e quindi di non riuscire ad alzare o abbassare la temperatura. Ecco come fare in pochi semplici passi.

Regolazione primaria della temperatura

Aumentare temperatura scaldabagno è un concetto più difficile di quanto sembri e dopo questo articolo non ci saranno più segreti. La regolazione, aumento e abbassamento, della temperatura avviene grazie all’utilizzo di un termostato. Questo è di fatto una piccola rotella che può essere girata a mano in alcuni casi o con un cacciavite in altri.

Spesso può essere difficile trovare il termostato perché per accedervi bisogna poter rimuovere una copertura in plastica sotto alla quale è coperto il termostato per motivi di protezione.

La procedura per aumentare temperatura scaldabagno deve partire con un semplice gesto: spegnere lo scaldabagno e aspettare in modo che ci sia acqua fredda.

Dopodiché bisognerà ruotare totalmente il termostato verso il segno – (meno), mettere l’interruttore su acceso (on), girare con molta lentezza il termostato verso il segno + (più) fino a che non si accende la spia luminosa dello scaldabagno. A questo punto ruotare di altri 15° rispetto al punto di accensione (ossia il punto in cui la spia luminosa si è accesa) e attendere che il segnale luminoso si spenga. Questo starà a significare il raggiungimento della temperatura.

Regolazione secondaria della temperatura

Aumentare temperatura scaldabagno significa procedere in due fasi. Non basta solamente girare il termostato come abbiamo visto nel punto precedente. Una volta che la temperatura è stata raggiunta, e lo si può capire dal fatto che la spia luminosa è spenta, bisognerà verificare il calore dell’acqua. Per procedere dovrete aprire il rubinetto dell’acqua e farla scorrere in abbondanza soprattutto dopo l’accensione della spia luminosa. La temperatura dell’acqua dovrà risultare abbastanza calda da essere gradevole a sufficienza. Nel caso in cui così non fosse si può agire sul termostato aumentando sempre di più per raggiungere la temperatura ideale, sempre alla stessa maniera di prima, ossia verso il segno + (più) per aumentare temperatura e verso il – (meno) per diminuirla.

aumentare temperatura scaldabagno

Sostituzione caldaia condominiale. Scaldabagno o caldaia a condensazione?

Aumentare temperatura scaldabagno non è una dicitura che si riferisce solamente alle singole utenze. Per quanto riguarda i sistemi di caldaie condominiali bisogna però rivolgersi a un esperto che possa farlo grazie alla sua esperienza.

In generale però quello che si consiglia maggiormente è l’installazione di una caldaia a condensazione condominiale.

Quando si tratta di sostituzione caldaia condominiale bisogna sapere cosa scegliere.

La scelta della caldaia è un tema alquanto caldo in questa stagione. Sicuramente le normative aiutano nella scelta del vostro impianto dato che è stata ottenuta l’obbligatorietà nell’uso del sistema a condensazione. Parlando di questo viene quindi in mente una domanda: qual è  la miglior caldaia a condensazione presente sul mercato?

La risposta è ben difficile, soprattutto quando ci sono competitors così di altissima qualità come Viessmann, Daikin, Vaillant,Hermann, Baxi, Beretta e molte altre ancora.  

Quando si deve attuare una sostituzione caldaia condominiale la cosa migliore è sempre scegliere una caldaia a condensazione.  

Il fatto è questo: è davvero troppo difficile scegliere tra le migliori caldaie che esistano quindi la risposta è che la caldaia a condensazione è la soluzione migliore che si possa prendere, qualsiasi essa sia. Dopodiché si può scegliere in base alle proprie esigenze e ai propri vezzi. Avendo la possibilità di scegliere tra caldaie che vi faranno risparmiare dandovi il massimo del comfort, potete occuparvi di quello che volete in più, e quindi vedere se preferite avere un sistema più Smart oppure andare sulla semplicità e maggior risparmio.

aumentare temperatura scaldabagno

Valvole termostatiche prezzi: il modo migliore per regolare la temperatura.

Questa parte dell’articolo è dedicata a coloro che hanno digitato “aumentare temperatura scaldabagno” su Google. Ci sono dei metodi molto più comodi per regolare la temperatura in casa propria. Si sta parlando del sistema di valvole termostatiche e contabilizzatori di calore.

Aumentare temperatura scaldabagno non sarà più un vostro problema una volta installate queste due prodezze della tecnologia termica.

Ciò che tutti vogliamo sapere per risollevarci l’animo dopo che ci è stato comunicato delle valvole termostatiche obbligatorie e dopo che si è saputo che c’è una certa convenienza ad utilizzare questo sistema, è quanto si risparmia in effetti in bolletta.

La domanda ha una risposta che può variare in meglio in base all’impegno che ci si mette ad aiutare le valvole termostatiche nel loro lavoro.

La magia, come spesso accade, è fisica! In particolare è fisica dei gas. Una caldaia a condensazione è una caldaia ad acqua calda nella quale si ha la condensazione del vapore acqueo dei fumi di scarico. In questo modo si ha il recupero del calore latente di condensazione e di conseguenza maggiore efficienza energetica rispetto ad una caldaia tradizionale. È così che Wikipedia descrive questa caldaia. Di fatto il funzionamento è abbastanza complicato da spiegare a parole ma molto semplice come meccanica di funzionamento dei gas.

Diciamo che in media si può arrivare a un risparmio pari al 30% in più in bolletta rispetto al costo dei precedenti sistemi di riscaldamento.

Utilizzando un calcolo approssimativo e dei numeri fittizi possiamo vedere che se si pagava €100 fino a prima dell’installazione delle valvole termostatiche, dopo si può arrivare a pagare €70 in ognuna delle bollette. Facile da qui fare un calcolo per capire il risparmio che si avrà nei mesi. Inoltre l’ammortizzazione del costo di valvole termostatiche e contabilizzatori di calore avverrà nel giro di pochissimo dato il grande risparmio in bolletta che otterrete. Ma com’è possibile che si risparmi così tanto? Andiamo a vedere perché oltre alle valvole termostatiche obbligatorie, c’è un’altra cosa che è stata decisa dalla legge e che andrà a vantaggio di tutti gli utenti: l’utilizzo di caldaie a condensazione. Questi due piccoli strumenti hanno un impatto minimo a livello estetico, ma un enorme impatto a livello di comodità, comfort e consumo.

 

Era interessante? Condividilo

Contattaci Ora