Costo caldaia a condensazione: le 3 cose da sapere prima dell’acquisto
28 giugno 2018
0

Il costo caldaia a condensazione è derivato da diversi fattori. Ci sono alcune cose da sapere per effettuare un acquisto adatto. Vediamo i tre principali fattori.
Poniamo il caso che abbiate un appartamento in centro a Milano, oppure una casa in provincia. Dopo anni di funzionamento, la vostra caldaia comincia a fare cilecca e dovete procedere con l’acquisto di una nuova caldaia. La scelta potrebbe essere ardua, specialmente considerando i prezzi. Ma al momento, a prescindere dal costo caldaia a condensazione, la migliore scelta per il vostro portafogli e per l’ambiente è sicuramente il sistema a condensazione.
Il sistema di funzionamento di questa caldaia, è sicuramente ciò che ne determina il costo. Ma per valutare il vero costo caldaia a condensazione, è necessario capire perché sarà sempre la scelta più conveniente da fare.

costo caldaia a condensazione
IL PRIMO MOTIVO per cui questo sistema è economico sta nascosto proprio nel sistema rivoluzionario di funzionamento della caldaia. Il costo caldaia a condensazione infatti sarà sempre ridotto rispetto a una caldaia tradizionale perché mentre una caldaia standard disperde tutti i fumi nell’ambiente, la caldaia a condensazione riutilizza i fumi di scarico che sono stati utilizzati precedentemente e sono già caldi, per riuscire a preriscaldare l’acqua diretta all’impianto. In questo modo la potenza al focolare sarà ridotta e di conseguenza il consumo sarà inferiore, come il costo in bolletta.
IL SECONDO MOTIVO per cui il costo caldaia a condensazione è inferiore a qualsiasi altro sistema è comprensibile in una visione a lungo termine. In effetti questo tipo di caldaia è leggermente più costosa di una standard. Se calcoliamo però il breve periodo di ammortizzazione del costo iniziale si può arrivare a risparmiare dal 30% al 40% nelle bollette.
IL TERZO MOTIVO si trova nelle normative legate a questo sistema; Nella UNI 11071 si distinguono i seguenti casi: Per utilizzi civili non si rendono necessari particolari accorgimenti essendo i condensati abbondantemente neutralizzati dai prodotti dei lavaggio e degli altri scarichi domestici. Per le caldaie con una potenza e una portata termica nominale superiore ai 35 kW bisogna controllare le indicazioni della normativa tecnica UNI 11528:2014. Secondo questa norma infatti per gli impianti con una portata termica nominale maggiore di 200 kW è sempre d’obbligo un trattamento di neutralizzazione. In ambito residenziale, va fatto riferimento al numero di appartamenti serviti, mentre in quello non residenziale, al numero di utilizzatori.

Era interessante? Condividilo

Contattaci Ora