Sicurezza sul lavoro: a cosa serve e come si raggiunge
20 giugno 2015
0

I caduti del lavoro sono le persone decedute a causa di incidenti occorsi durante e per causa del lavoro svolto. Il fenomeno è anche indicato come morti bianche, dove «l’uso dell’aggettivo “bianco” allude all’assenza di una mano direttamente responsabile dell’incidente».

Per evitare l’esposizione al rischio di incidenti/infortuni l’attività lavorativa di pone come obiettivo la sicurezza sul lavoro. Bisogna predisporre il luogo di lavoro, dotandolo di ogni accorgimento, strumento e attività di prevenzione, fornendo un importante grado di protezione verso il lavoratore, contro l’eventualità del verificarsi di eventi pericolosi.

Giuridicamente questa locuzione si attribuisce all’attività di prescrizione di misure di prevenzione e protezione, che devono essere adottate dal datore di lavoro, dai dirigenti e dai collaboratori. Oltre che, ovviamente, dai lavoratori stessi. Per questo si può introdurre il concetto di DVR che rappresenta la mappatura dei rischi presenti in un’azienda.

Il DVR deve contenere tutte le procedure necessarie all’attuazione di misure preventive e protettive da realizzarsi, oltre che a contenere i ruoli delle persone che devono occuparsene. Rappresenta un requisito cartaceo o elettronico ed un ulteriore compito assegnato direttamente al datore di lavoro, in quanto da egli non delegabile. Deve inoltre essere redatto con data certa. È uno dei documenti cardine del Testo unico sulla sicurezza sul lavoro D.lgs. 81/2008 ove viene trattato agli articoli 17 e 28.
Technobuild, tra i suoi servizi, offre anche corsi di formazione per la sicurezza sul lavoro, redazione del DVR, responsabile RSPP esterno.

Era interessante? Condividilo